MAZINHO, LA RIVINCITA DELLO SCARTATO

bebe

 

Lo scartato si prese la rivincita il 17 luglio 1994. Era di domenica.

Il buddista Baggio aveva appena calciato un rigore tra le nuvole di cartone di un cielo che più americano non si può. Karma e gesso, si era detto Baggino chino sul dischetto. Ma non aveva funzionato. Succedeva al Rose Bowl di Pasadena, a Los Angeles, la città degli angeli che, alla fine di tutto, vide l’eretico Arrigo Sacchi abbracciare Franco Baresi, stravolto in una maschera solenne di lacrime e dignità.  Continue reading MAZINHO, LA RIVINCITA DELLO SCARTATO

BIDONI: JUAN EDUARDO ESNÀIDER, BELLO E DANNATO

Esnaider

 

Juan Eduardo Esnàider fu l’attaccante più narciso del mondo. Si cercò negli specchi per tutta la carriera, dribblando le critiche con l’aria di sufficienza che hanno quelli pieni di sé, e fu fortunato, perché si trovò.  Continue reading BIDONI: JUAN EDUARDO ESNÀIDER, BELLO E DANNATO

ALVIERO CHIORRI, UN MARZIANO A CUBA

Chiorri_Cremonese_1991-92

 

Cuba, è finito a l’Avana. Sverna, se la gode, vive.  L’ha scoperta nel 1994, in vacanza, ed era già un ex. Due settimane, tutto compreso, anche il futuro. A Cuba, come un terrorista ricercato, lui dribblomane incallito condannato per crimini contro l’umanità dei terzini, ripetutamente presi per il culo.  Continue reading ALVIERO CHIORRI, UN MARZIANO A CUBA