DOMENICO MAROCCHINO, DRIBBLING E NOTTI BRAVE

Prendere la vita di striscio. Lasciarsela scivolare addosso.  Se piove, mai aprire l’ombrello. Scattare sulla fascia, scappare da sè stessi. A testa bassa, c’è troppo orizzonte per noi stasera. Continue reading DOMENICO MAROCCHINO, DRIBBLING E NOTTI BRAVE

GYULA GROSICS, LA PANTERA DELLA GRANDE UNGHERIA

Ho sempre fatto il tifo per il Ferencvaros. Anche da bambino. Prima ancora di sapere che fosse la squadra della destra nazionalista. Il mio sogno era diventare grande perché potessi giocarci anch’io. In porta, si capisce. Facevo le telecronache finte e l’urlo dello stadio. Numero uno: Gyula Grosics. Eeeeeeh. Continue reading GYULA GROSICS, LA PANTERA DELLA GRANDE UNGHERIA

MALGIOGLIO, TORNATENE DAI TUOI MOSTRI!

Domenica 9 Marzo 1986. Stadio Olimpico, Roma. Astutillo Malgioglio fu fatto salire su un’alfetta della polizia. Il presidente della Lazio Chimenti entrò in sala stampa, cercò le parole giuste, disse: “Il fatto è di una gravità eccezionale: la maglia per noi è come una bandiera, una immagine che non può essere deturpata da gesti illogici e assurdi. Basta con queste scene che infangano il nome della società”. Si sentì molto fiero. Continue reading MALGIOGLIO, TORNATENE DAI TUOI MOSTRI!

EZIO VENDRAME, IL POETA FUORI DAL CORO

Di lui dicevano: Ezio Vendrame vale da solo il prezzo del biglietto. Anarchico, talento inespresso e controvoglia, artista capace di pennellate strambe ma epiche, roba da raccontare nei bar, prima dell’ultimo giro.  Continue reading EZIO VENDRAME, IL POETA FUORI DAL CORO

JACK KELSEY, LA PRIMA VITTIMA DI PELÉ

Ho conosciuto il diavolo. Si presentò davanti a me in un pomeriggio di metà giugno, ci mise un attimo, aveva il pallone tra i piedi e diciassette anni addosso. Io ne avevo ventotto, e come al solito avevo fumato in campo prima che la partita cominciasse. ‘Certo che Jack Kelsey è un bel tipo, dicevano intorno a me’. Un bel tipo io, solo per una sigaretta posata tra le labbra prima di dare calci a un pallone. Continue reading JACK KELSEY, LA PRIMA VITTIMA DI PELÉ

DIEGO MARADONA, ODE ALL’IMPERFEZIONE

Io sono grasso, piccolo e goffo. Però quando ho un pallone tra i piedi, io sono quanto di più vicino a Dio voi riusciate a immaginare. Continue reading DIEGO MARADONA, ODE ALL’IMPERFEZIONE

GIOVANNI LODETTI, L’ANGELO CUSTODE DI RIVERA

Mediano Lotta Continua. gregario ad personam di Gianni Rivera. Smilzo, due peli in testa, l’aria triste del ferroviere, soprannominato “Basletta”. Un appellativo dialettale d’altri tempi, in milanese è un vaso di legno per legumi, forse per via del mento aguzzo.  Continue reading GIOVANNI LODETTI, L’ANGELO CUSTODE DI RIVERA

LA MASCHERA DI “RINGHIO” GATTUSO

Ringhio, dunque sono.

Gennaro Gattuso da Schiavonea è l’emblema del lottatore duro e puro, quello che entra nell’arena battendosi il petto coi pugni, digrignando i denti e aizzando la folla in estasi, perchè ha una missione da compiere. Continue reading LA MASCHERA DI “RINGHIO” GATTUSO