UGO TOSETTO, IL KEEGAN DELLA BRIANZA

Riccioli e baffi, carattere esuberante. A metà degli anni Settanta lo chiamavano Stricker perché assomigliava a Erwin Stricker, lo sciatore folle della Valanga Azzurra.

Poi arrivò Nils Liedholm. “Ragassi, Tosetto è il Keegan della Brianza”, stabilì il santone svedese allenatore del Milan. Kevin King Keegan, l’inglese ala destra del Liverpool plurititolato e dell’Amburgo. Un fenomeno di attaccante: rapido, talentuoso, cattivo.  Continue reading UGO TOSETTO, IL KEEGAN DELLA BRIANZA

MASSIMO CIOCCI, IL PONY EXPRESS DEL GOL

La Milano degli anni Ottanta. Paninari, piumini e Duran Duran. I ragazzi cuccano, le ragazze si chiamano squinzie. Nelle giovanili dell’Inter spicca un adolescente venuto dalle Marche, Massimo Ciocci. Segna caterve di gol, ma non ha troppa voglia di andare a scuola. Per evitare che si trastulli nei bar attorno a San Babila, i dirigenti lo vogliono ogni mattina in sede. Continue reading MASSIMO CIOCCI, IL PONY EXPRESS DEL GOL

LE NOTTI BRAVE DI GIACOMO LIBERA

Il ragazzo che portava la maglia numero 11 e sembrava il nuovo Riva. Tutti e due erano del lago Maggiore: Gigi Riva di Leggiuno, Giacomo Libera di Ispra. Vicini di casa e piedi sinistri apparentemente simili. Libera, nel Varese dei primi anni Settanta, faceva coppia con Egidio Calloni non ancora Sciagurato. Continue reading LE NOTTI BRAVE DI GIACOMO LIBERA

BENIAMINO VIGNOLA E L’OMBRA DI MICHEL PLATINI

Il numero 10 perseguitato dai paragoni. All’inizio lo accostavano a Gianni Rivera. “Forse c’entravano il fisico minuto e la pettinatura – celia l’interessato -, il fatto che anch’io portassi i capelli a spazzola”.  Continue reading BENIAMINO VIGNOLA E L’OMBRA DI MICHEL PLATINI