MALGIOGLIO, TORNATENE DAI TUOI MOSTRI!

Domenica 9 Marzo 1986. Stadio Olimpico, Roma. Astutillo Malgioglio fu fatto salire su un’alfetta della polizia. Il presidente della Lazio Chimenti entrò in sala stampa, cercò le parole giuste, disse: “Il fatto è di una gravità eccezionale: la maglia per noi è come una bandiera, una immagine che non può essere deturpata da gesti illogici e assurdi. Basta con queste scene che infangano il nome della società”. Si sentì molto fiero.

L’alfetta scortò Malgioglio fino a casa. La gente batteva i pugni sul finestrino. Gli urlarono: “Tornatene dai tuoi mostri”. Malgioglio arrivò a casa, scosso, scortato. Un gruppo di tifosi lo insultò: “Vai a giocare al Cotolengo”. Sua moglie lo vide salire le scale con due poliziotti. Per poco non le prese un colpo. “Tito cosa è successo?”.

Era successo che Malgioglio aveva preso un gol, il pallone gli era sfuggito dalle mani, la Lazio aveva perso in casa col Lanerossi Vicenza. All’Olimpico quel giorno c’erano trentamila persone.

Fisciarono. inveirono. A fine partita Malgioglio andò sotto la curva, si sfilò la maglietta e ci sputò sopra. Fu il gesto estremo di un uomo ferito. Scoppiò il finimondo. Fu in quel momento che dal comando di polizia partì l’alfetta per scortarlo a casa.

La colpa di Malgioglio: nel tempo libero aiutava i ragazzi disabili, aveva una palestra. “Sono prima un uomo e poi un calciatore’, diceva. Sentiva la vita pulsare dentro al muscolo addormentato di un bambino disabile.

E quel muscolo provava a svegliarlo. E provava a svegliare pure le coscienze. Le coscienze di un mondo che lo riteneva scomodo, ospite sgradito, scocciatura non prevista, rumore che cerca di scalfire il silenzio, e chissà se ce la fa. “Tornatene dai tuoi mostri”, urlarono quel pomeriggio, a quell’uomo che sputò sulla maglia, fu una brutta storia e se ne pentì, ma mai sputò sulla vita.

Due giorno dopo a casa Malgioglio arrivò un telegramma. Il mittente era: Società Sportiva Lazio. C’era scritto che poteva ritenersi licenziato.

 

Astutillo Malgioglio

NATO IL: 3 Maggio 1958, Piacenza.

RUOLO: Portiere.

SOPRANNOME: Tito.

CARRIERA

1976-1977 Bologna.

1977-1982 Brescia.

1982-1983 Pistoiese.

1983-1985 Roma.

1985-1986 Lazio.

1986-1991 Inter.

1991-1992 Atalanta.

PALMARES CLUB

Roma

1 Coppa Italia: 1983-1984.

Inter

1 Serie A: 1988-1989.

1 Supercoppa italiana: 1989.

Coppa UEFA: 1990-91.

 

FONTE:  RACCONTO TRATTO DA “GAMBA TESA”, DI FURIO ZARA, RIZZOLI, MILANO.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *