LE CASSANATE DEL GIOVANE FANTANTONIO

Bari, piazza della Cattedrale. Era un bambino, palleggiava con gli stivaloni da pescatore, di tacco embè? Come cercare di suonare la chitarra con i guantoni da portiere. Ogni tanto il cicciobello da combattimento con il talento più sfacciato d’Italia ci riesce. Venghino lor signori, venghino. Continue reading LE CASSANATE DEL GIOVANE FANTANTONIO

DUELLI: DI CANIO vs L’ARBITRO, LO SPINTONE

Realizzò il sogno represso di tutti i frustrati da cartellino rosso: osò spingere un arbitro che lo aveva appena espulso, di più, spintonò il Potere di nero vestito, come i bambini giù in cortile, che dopo un’ingiustizia fanno le boccacce, piagnuccolano e scalciano tutto quello che gli capita a tiro.

Continue reading DUELLI: DI CANIO vs L’ARBITRO, LO SPINTONE

STIG TOFTING: BIRRA, RISSE E NESSUN RIMPIANTO

Shrek se avete presente. Solo un po’ meno verde, solo molto più incazzato. Stig Tofting, l’Uomo Quadrato. Non aveva il collo, evidentemente non era di serie. Continue reading STIG TOFTING: BIRRA, RISSE E NESSUN RIMPIANTO

DIEGO MARADONA, ODE ALL’IMPERFEZIONE

Io sono grasso, piccolo e goffo. Però quando ho un pallone tra i piedi, io sono quanto di più vicino a Dio voi riusciate a immaginare. Continue reading DIEGO MARADONA, ODE ALL’IMPERFEZIONE

LA VENDETTA DI ROY KEANE

Bisogna avere pazienza nella vita. Bisogna saper aspettare. Roy Keane aspettò tre lunghi anni, perchè la vendetta è un piatto eccettera eccettera.

Nella stagione 1997-98 Roy Keane si ruppe i legamenti in uno scontro di gioco con il norvegeese Al f Inge Haaland. Era a terra dolorante, e l’altro gli urlava: “Smettila di fare la scena”. Non fu solo un affronto, fu una condanna.  Continue reading LA VENDETTA DI ROY KEANE

LA LIBERTÁ E LE PRIGIONI DI RENE HIGUITA

 

Dare gioia alla gente, alla fine questo conta. Averle strappato un sorriso con il tuo nome. Averla confortata un po’ durante i suoi giorni. Se le persone si ricordano di te, ecco, allora ce l’hai fatta.  Continue reading LA LIBERTÁ E LE PRIGIONI DI RENE HIGUITA

LE PAZZIE DEL “LOCO” RENÈ HIGUITA

rene-higuita-colombia

Mani a terra, capriola in avanti, gambe parallele, piedi uniti e colpo secco con una rovesciata al contrario. Anvedi. E’ la “Mossa dello Scorpione“, copyright di Renè Higuita.  Continue reading LE PAZZIE DEL “LOCO” RENÈ HIGUITA

ODE A CLAUDIO GARELLA, PORTIERE SENZA MANI

claudio-Garella

Non aveva stile e quello era il suo stile. Era di una bruttezza talmente grottesca e sgraziata, che alla fine risultava bello. Come un quadro che guardi dalla parte sbagliata, sai cosa c’è? Mi piace di più.  Continue reading ODE A CLAUDIO GARELLA, PORTIERE SENZA MANI