PELÈ E LA SPALLA DI GILMAR SU CUI PIANGERE

Non lo mettere quel numero, Gilmar, mi dicevano i compagni. Non lo mettere che porta sfortuna. Avevo la maglia con il 13 ai Mondiali in Svezia. Come se a me potesse importare qualcosa della magia, della scaramanzia e dell’irrazionalità.  Continue reading PELÈ E LA SPALLA DI GILMAR SU CUI PIANGERE

BIDONI: ROGERIO VAGNER E LA PROFEZIA DI ZEMAN

“Dove devo firmare?”

“Firma qui”, gli disse scocciato il procuratore, perché i procuratori in quegli anni di assegni a nove zeri avevano perennemente stampata in faccia quell’aria schifata di chi mentre sì arricchisce deve comunque sporcarsi con i soldi. Ma guarda un po’ cosa ci tocca fare.  Continue reading BIDONI: ROGERIO VAGNER E LA PROFEZIA DI ZEMAN

LE RISSE DI ALMIR, IL PELE’ BIANCO

almir-pele

Aveva sangue e piedi brasiliani, spirito e grinta argentini. Si chiamava Almir Moraes de Albuquerque, detto Almir Pernambuquinho, uno dei rari casi in cui il soprannome è più complicato del nome stesso. Per facilitare le cose, o complicarle, a fine anni ’50 lo ribattezzarono O’ Pelé Branco. Il Pelé nero diventò O’Rei e vestì solo la maglia del Santos e quella della Nazionale brasiliana. Il Pelè bianco invece non mantenne le promesse, preferiva la cerveja, le anfetamine e la bella vita. Cambiò tante squadre, partecipò da attore protagonista a risse e battaglie campali in tre grandi stadi del Sudamerica: Monumental, Bombonera e Maracanã. Continue reading LE RISSE DI ALMIR, IL PELE’ BIANCO