GYULA GROSICS, LA PANTERA DELLA GRANDE UNGHERIA

Ho sempre fatto il tifo per il Ferencvaros. Anche da bambino. Prima ancora di sapere che fosse la squadra della destra nazionalista. Il mio sogno era diventare grande perché potessi giocarci anch’io. In porta, si capisce. Facevo le telecronache finte e l’urlo dello stadio. Numero uno: Gyula Grosics. Eeeeeeh. Continue reading GYULA GROSICS, LA PANTERA DELLA GRANDE UNGHERIA

GUEVARA MORA E IL TRAUMA DEI 10 GOL SUBITI

Un montòn de plata. Un montone di soldi. Ecco cosa offriva il Paris Saint Germain per portarmi in Francia. Volevano il portiere più giovane del mondiale di Spagna ’82. Volevano il portiere che aveva preso solo un gol nelle partite di qualificazione. Se sei nato a El Salvador, una cosa del genere non ti capita facilmente. A me, Luis Ricardo Guevara Mora, successe.  Continue reading GUEVARA MORA E IL TRAUMA DEI 10 GOL SUBITI

LAJOS DETARI, L’ULTIMO DEI MAGIARI

Detari1

“Tu guarda mio piede, in mio piede ci cantano gli uccelli”. Si presentò a Bologna così, con toni soft. Scese dalla Porsche bianca decapottabile, si tolse il caschetto di  cuoio, allentò la sciarpetta di cashmere con un gesto molto cinematografico, guardò con l’occhio a mezz’asta i giornalisti che lo stavano aspettando al campo di Casteldebole e predicò: “Tu guarda mio piede, in mio piede ci cantano gli uccelli”. Continue reading LAJOS DETARI, L’ULTIMO DEI MAGIARI